CHIAMAPRENOTA

Val di Rabbi: 6 cose da fare

Chi di voi non ha visto almeno una volta Heidi? Ecco appunto, nessuno, tutti sapete di cosa sto parlando. Ma perché inizio il disocrso parlando di Heidi? Semplice, perché in Val di Sole c’è una valle che assomiglia proprio ai posti in cui pascolavano le caprette, che facevano ciao, alla nipote del “vecchio dell’Alpe” e io sono proprio sicuro che anche solo per questo, vi piacerebbe visitare la Val di Rabbi. Ma ho tante altre cose vi assicuro, che di questa valle potrebbero interessarvi e piacervi.

La Val di Rabbi è una tipica vallata alpina, fatta di verdi pascoli, rigogliosi boschi e baite sparse qua e là sui suoi versanti. In questo articolo vi suggeriamo le cose da fare in Val di Rabbi per poterla vivere al meglio. Ecco quindi cosa non dovete assolutamente perdere!

1. Val di Rabbi escursioni: esplorala a piedi!

Non credo ci sia un modo migliore per esplorare la Val di Rabbi se non a piedi, facendo delle escursioni. Camminando in Val di Rabbi infatti, avrai la possibilità di esplorare una delle più grandi aree protette italiane, il Parco Nazionale dello Stelvio.a-piedi-nudi-nel-bosco-val-di-rabbi

Il territorio del comune di Rabbi è infatti incluso in questa grande riserva naturalistica che presenta una ricca varietà di ambienti come: prati, pascoli, boschi di abeti e larici, praterie d’alta quota, laghi, morene glaciali e ghiacciai. Inutile dire che ognuno di questi habitat ospita specie vegetali e animali diverse, basti pensare che nel parco vivono ben 260 specie di vertebrati e migliaia di invertebrati.

2. Pranza in una Malga

Malga Fratte in Val di Rabbi in estateSono moltissime le malghe che in estate, ma certe anche in inverno, forniscono un servizio di ristorazione dove poter gustare dei fantastici piatti tipici cucinati con i latticini derivati dalla lavorazione del latte munto dalle mucche che in malga trascorrono il periodo estivo. In base alla vostra voglia di camminare e al vostro allenamento, potrete scegliere la meta ideale per voi. Tra le più conosciute e frequentate ci sono Malga Fratte, Malga Stablasolo, Malga Monte Sole ma anche Malga Mondent e Malga Polinar.

3. Respira le cascate

La valle di Rabbi è ricca d’acqua e grazie alla morfologia del territorio si formano molte cascate. Celebri sono le cascate del Saènt, situate poco sopra Malga Stablasolo, all’inizio del sentiero per il rifugio Dorigoni ma ci sono anche le cascate di Valorz che si trovano nei pressi della frazione di San Bernardo.

cascate-saent-val-di-rabbiSai cosa succede se si respira ogni giorno la stessa aria ai piedi di un ambiente fortemente ionizzato come quello che troviamo alle cascate? Pensa che trascorsi soli 15 minuti, il nostro corpo assimila circa 320.000 ioni negativi per cm3!

Questi ioni sono molto importanti per il nostro organismo perchè prevengono l’ossidazione alleviando tutti i tipi di infiammazione. Dopo alcune ore, la respirazione di un’aria ricca di ioni negativi ha un effetto eccezionale sull’apparato respiratorio, alleviando allergie e asma e stimolando il metabolismo. Inoltre, grazie alla produzione della serotonina nota anche come “ormone del buonumore” gli ioni negativi eliminano la stanchezza e migliorano la resistenza alle malattie virali, come l’influenza.

4. Rigenerati al percorso Kneipp

percorso-kneipp-val-di-rabbiEntrare a contatto con la natura con il percorso Kneipp o con il percorso a piedi nudi. In località Coler è stato creato un percorso di 500 metri da percorrere rigorosamente a piedi nudi. Il terreno sul quale vi troverete a camminare cambia in continuazione, si passa dall’erba alle pigne di abete, dall’acqua ai ciottoli, dai trucioli ai tronchi così da potervi sentire davvero a stretto contatto con la natura. Lasciare i piedi scalzi, liberi di muoversi e a contatto con il terreno, aiuta innanzitutto a prevenire problemi alla schiena e alle ginocchia, ma soprattutto permette di percepire in maniera diversa l’ambiente nel quale ci muoviamo creando delle nuove, benefiche, sensazioni.

5. Dormi in un rifugio

A chi vuole camminare di più e non si accontenta di ammirare il panorama da mezzacosta, consigliamo di raggiungere il rifugio Dorigoni oppure il rifugio Stella Alpina al Lago Corvo e trascorrere una notte in quota, vivendo l’alta montagna come i veri alpinisti.

La notte in rifugio è infatti una di quelle cose che dev’essere fatta almeno una volta nella vita. Presenziare un tramonto in una location così esclusiva, mangiare piatti tipici accomodati in una sala tutta rivestita in legno, andare a letto presto in grandi camerate per svegliarsi presto ad ammirare il sole sorgere da dietro le montagne sullo sfondo, non ha prezzo e non si può di certo spiegare a parole, dev’essere vissuto!

6. Ascolta il bramito del cervo

Ogni stagione in montagna ha il suo fascino. A primavera si assiste rinascita della natura, fiori e piante si risvegliano, il paesaggio passa dal manto bianco della neve al verde. Durante l’estate troverete le vacche al pascolo in tutte le malghe della valle, ma è in autunno la vera magia

il bramito del cervo in Val di RabbiLe foreste di larici si preparano all’inverno, ma prima di andare in letargo e perdere tutti gli aghi, ci salutano creando insieme agli altri alberi, una meravigliosa scala cromatica che va dal verde all’arancio scuro. Mentre vi godete questo spettacolo di colori scattando migliaia di fotografie, potrete ascoltare il bramito dei cervi e osservarli durante il periodo degli amori, un’altra incredibile esperienza da vivere!

Se volete scoprire la Val di Rabbi nel suo lato più autentico date un occhio al nostro programma e cercate l’escursione che più fa al caso vostro. Venite a scoprire questa magica Val di Rabbi con noi!

Loading...