CHIAMAPRENOTA

Arte e Poesia sul Sentiero di Valorz

Arte e Poesia sul Sentiero di Valorz

Prenota l'escursione:

null

Ritrovo: P. MD Terzolas

null

Durata: 5 ore

null

Lunghezza: 5 Km

null

Dislivello: 330 metri

Descrizione del percorso:

Servono occhi curiosi e vigili per apprezzare gli elementi artistici posti lungo questo sentiero. Un percorso tra prati, boschi e poesie, alla ricerca della vera essenza di Valorz.

L’area di Valorz occupa un vasto piano inclinato posato su un grandissimo cumulo di materiali rocciosi come ghiaia, sassi e grossi massi strappati alla montagna e trasportati a valle dal Rio Valorz nel corso dei millenni.

Il percorso di oggi inizia nei pressi del Percorso Kneipp, uno splendido centro benessere naturale, interamente all’aria aperta, percorribile solo a piedi nudi, che vi farà scoprire sensazioni mai provate, come quella di camminare sulla corteccia, nella freddissima acqua proveniente dalle cascate oppure sui ciottoli di granito… Ma non subito, prima vogliamo farti conoscere il bosco sovrastante, un bosco pieno di segreti, di cose da vedere e da scoprire… cose che potrete ammirare solo se sarete attenti e curiosi.

In questo bosco infatti si fa strada il sentiero di Valorz, una splendida passeggiata alla scoperta di un ambiente unico. Tanti gli elementi posti lungo il percorso, raramente evidenti, nascosti a distratti e frettolosi. Chi di voi saprà coglierli, potrà dire di aver raggiunto la vera anima di Valorz.

Il sentiero di Valorz è caratterizzato da un breve tratto iniziale di salita, successivamente torna pianeggiante e piacevolmente percorribile. Passo dopo passo incontriamo gli animali che dimorano solitamente questo bosco, fatti con materiali naturali come il legno intrecciato che si alternano alle splendide poesie di una donna che l’anima di Valorz è riuscita sicuramente ad apprezzarla e a trasmetterla.

Teresa Girardi (1908 – 2004) una straordinaria poetessa trentina del ‘900, la cui struggente poesia riflette spesso l’amore incondizionato per la montagna e per la sua valle, la Val di rabbi. Nelle sue poesie si vedono i colori delle stagioni, si sente il suono del torrente che scorre impetuoso, si ammirano i verdi prati, si sente il profumo dei fiori

Proseguiremo fino ai piedi delle Cascate di Valorz che precipitano maestose al centro di un ampio anfiteatro roccioso… più in alto, solo i laghi sospesi di Sorasass. Rientriamo percorrendo un sentiero alternativo  che ci riporta al percorso kneipp dove ci rinfrescheremo e riposeremo dopo l’escursione.

Tipo di escursione:

Escursione di media difficoltà, ideale per chi vuole stare all’aria aperta a lungo. Non è richiesto uno specifico grado di preparazione fisica. Un itinerario di 5 km di sviluppo, con 350 metri di dislivello.


Percorso Kneipp
a pagamento.


Pranzo al sacco.

Curiosità:

Nel Medioevo l’area di Valorz venne disboscata e il terreno dissodato per essere coltivato; in quel periodo vennero costruiti i primi muretti a secco, per limitare le pendenze e l’area utilizzata come prato da sfalcio per produrre il fieno. Durante il dopoguerra, quando parte dei terreni vennero abbandonati, il bosco tornò a riconquistarli.

Servono occhi curiosi e vigili per apprezzare gli elementi artistici posti lungo questo sentiero, un percorso tra prati, boschi e poesie, alla ricerca della vera essenza di Valorz, fino alle sue cascate.

+Descrizione del percorso:
L’area di Valorz occupa un vasto piano inclinato posato su un grandissimo cumulo di materiali rocciosi come ghiaia, sassi e grossi massi strappati alla montagna e trasportati a valle dal Rio Valorz nel corso dei millenni.

Il percorso di oggi inizia nei pressi del Percorso Kneipp, uno splendido centro benessere naturale, interamente all’aria aperta, percorribile solo a piedi nudi, che vi farà scoprire sensazioni mai provate, come quella di camminare sulla corteccia, nella freddissima acqua proveniente dalle cascate oppure sui ciottoli di granito… Ma non subito, prima vogliamo farti conoscere il bosco sovrastante, un bosco pieno di segreti, di cose da vedere e da scoprire… cose che potrete ammirare solo se sarete attenti e curiosi.

In questo bosco infatti si fa strada il sentiero di Valorz, una splendida passeggiata alla scoperta di un ambiente unico. Tanti gli elementi posti lungo il percorso, raramente evidenti, nascosti a distratti e frettolosi. Chi di voi saprà coglierli, potrà dire di aver raggiunto la vera anima di Valorz.

Il sentiero di Valorz è caratterizzato da un breve tratto iniziale di salita, successivamente torna pianeggiante e piacevolmente percorribile. Passo dopo passo incontriamo gli animali che dimorano solitamente questo bosco, fatti con materiali naturali come il legno intrecciato che si alternano alle splendide poesie di una donna che l’anima di Valorz è riuscita sicuramente ad apprezzarla e a trasmetterla.

Teresa Girardi (1908 – 2004) una straordinaria poetessa trentina del ‘900, la cui struggente poesia riflette spesso l’amore incondizionato per la montagna e per la sua valle, la Val di rabbi. Nelle sue poesie si vedono i colori delle stagioni, si sente il suono del torrente che scorre impetuoso, si ammirano i verdi prati, si sente il profumo dei fiori

Proseguiremo fino ai piedi delle Cascate di Valorz che precipitano maestose al centro di un ampio anfiteatro roccioso… più in alto, solo i laghi sospesi di Sorasass. Rientriamo percorrendo un sentiero alternativo  che ci riporta al percorso kneipp dove ci rinfrescheremo e riposeremo dopo l’escursione.

+Tipo di escursione

Escursione di media difficoltà, ideale per chi vuole stare all’aria aperta a lungo. Non è richiesto uno specifico grado di preparazione fisica. Un itinerario di 5 km di sviluppo, con 350 metri di dislivello.

Percorso Kneipp a pagamento.

Pranzo al sacco.

+Curiosità
Nel Medioevo l’area di Valorz venne disboscata e il terreno dissodato per essere coltivato; in quel periodo vennero costruiti i primi muretti a secco, per limitare le pendenze e l’area utilizzata come prato da sfalcio per produrre il fieno. Durante il dopoguerra, quando parte dei terreni vennero abbandonati, il bosco tornò a riconquistarli.
+Cosa serve per fare trekking
Per affrontare un trekking è consigliato un abbigliamento sportivo, comodo e confortevole, che non intralci i movimenti, che tenga caldo ma che allo stesso tempo non ci faccia sudare.

Salendo in quota molte volte la temperatura si abbassa, in certi casi potrebbe esserci il vento. Per questo ti consigliamo di portare sempre con te un capo d’abbigliamento più pesante e un k-way, in caso di improvvisi acquazzoni.
Un’altra cosa che non può mancare è una t-shirt di ricambio, indossare una maglietta pulita e asciutta renderà più confortevole il tuo cammino.

È preferibile indossare infine, una scarpa da trekking.

Nello zaino devi sempre avere:

  • K-Way, in montagna potremmo essere colti da improvvisi piovaschi, anche durante le giornate più limpide;
  • Maglia: salendo in quota la temperatura si abbassa di circa 1°C ogni 100 metri, inoltre non dobbiamo sottovalutare le brezze frizzanti che scendono dalle cime, ecco perché una maglia in più non guasta mai;
  • Maglia di ricambio, porta con te una canotta per cambiarti una volta giunto alla meta, lo zaino ti farà sudare durante la salita;
  • Acqua, è bene mantenersi idratati durante l’attività fisica;
  • Cibo, pranzo al sacco nel caso non ci siano rifugi lungo il tragitto o tu scelga di non approfittarne, ma anche una barretta di cioccolato o qualche snack energetico possono essere di grande aiuto mentre si cammina;
  • Protezione solare.

Per saperne di più ti consigliamo di leggere il nostro articolo che parla dell’abbigliamento per fare trekking.

+Buone norme per vivere la montagna in sicurezza
– Definisci bene l’itinerario che vuoi percorrere prima della partenza;
– Scegli un percorso adatto alla tua preparazione fisica;
– Procurati e porta sempre con te, l’equipaggiamento idoneo alla tipologia di escursione che vuoi affrontare;
– Osserva sempre il meteo prima di partire e nel caso in cui il tempo meteorologico volgesse al brutto, torna subito indietro o mettiti al riparo;
Lascia sempre informazioni a chi sta a casa sul tuo itinerario e riguardo alla presunta ora di rientro;
– Porgi sempre molta attenzione alla segnaletica;
– In caso di indicente o se hai bisogno di aiuto, componi il numero di soccorso unico 112!

E comunque, non avventurarti mai da solo a fare un’escursione in posti che non conosci e non hai mai frequentato. È sempre preferibile scegliere la compagnia di qualcuno che conosce bene il territorio e sa come comportarsi in caso di pericolo!

…E poi è così bello fare un trekking in compagnia!

Cosa serve per fare trekking:

Per affrontare un trekking è consigliato un abbigliamento sportivo, comodo e confortevole, che non intralci i movimenti, che tenga caldo ma che allo stesso tempo non ci faccia sudare.

Salendo in quota molte volte la temperatura si abbassa, in certi casi potrebbe esserci il vento. Per questo ti consigliamo di portare sempre con te un capo d’abbigliamento più pesante e un k-way, in caso di improvvisi acquazzoni.
Un’altra cosa che non può mancare è una t-shirt di ricambio, indossare una maglietta pulita e asciutta renderà più confortevole il tuo cammino.

È preferibile indossare infine, una scarpa da trekking.

Nello zaino devi sempre avere:

  • K-Way, in montagna potremmo essere colti da improvvisi piovaschi, anche durante le giornate più limpide;
  • Maglia: salendo in quota la temperatura si abbassa di circa 1°C ogni 100 metri, inoltre non dobbiamo sottovalutare le brezze frizzanti che scendono dalle cime, ecco perché una maglia in più non guasta mai;
  • Maglia di ricambio, porta con te una canotta per cambiarti una volta giunto alla meta, lo zaino ti farà sudare durante la salita;
  • Acqua, è bene mantenersi idratati durante l’attività fisica;
  • Cibo, pranzo al sacco nel caso non ci siano rifugi lungo il tragitto o tu scelga di non approfittarne, ma anche una barretta di cioccolato o qualche snack energetico possono essere di grande aiuto mentre si cammina;
  • Protezione solare.

Per saperne di più ti consigliamo di leggere il nostro articolo che parla dell’abbigliamento per fare trekking.

Le buone norme per vivere la montagna e fare un trekking in sicurezza:

  • Definisci bene l’itinerario che vuoi percorrere prima della partenza;
  • Scegli un percorso adatto alla tua preparazione fisica;
  • Procurati e porta sempre con te, l’equipaggiamento idoneo alla tipologia di escursione che vuoi affrontare; 
  • Osserva sempre il meteo prima di partire e nel caso in cui il tempo meteorologico volgesse al brutto, torna subito indietro o mettiti al riparo;
  • Lascia sempre informazioni a chi sta a casa sul tuo itinerario e riguardo alla presunta ora di rientro;
  • Porgi sempre molta attenzione alla segnaletica;
  • In caso di indicente o se hai bisogno di aiuto, componi il numero di soccorso unico 112!
  • E comunque, non avventurarti mai da solo a fare un’escursione in posti che non conosci e non hai mai frequentato. È sempre preferibile scegliere la compagnia di qualcuno che conosce bene il territorio e sa come comportarsi in caso di pericolo! 

…E poi è così bello fare un trekking in compagnia!

POTREBBERO PIACERTI ANCHE

La dolce vita tra i monti

Cammina tra antichi e profumati boschi di larici, riscaldato dal calore del sole che questo versante riceve durante tutta la giornata eee… Goditi il panorama tra gli storici alpeggi in quota dei tempi passati…

Sentieri di Guerra

Sulle tracce della storia che ha cambiato il volto alla nostra terra, nei luoghi protagonisti delle vicende della grande guerra… Ricordi che lasciano il segno.

Alla Ricerca di Stelle Alpine...e di Marmotte!

Tra un fischio di marmotta e l’altro, raggiungiamo un parco giochi a quota 2200 metri. Poco più in alto le stelle alpinevivono nel loro habitat ideale. Andiamo ad osservare questo affascinante fiore di alta montagna!

Al cospetto delle Dolomiti di Brenta

Un incantevole specchio d’acqua ci aspetta a quasi 1800 metri di quota. Immerso nella natura selvaggia delle Dolomiti di Brenta un rifugio fiabesco sulle sue rive…
Loading...