CHIAMAPRENOTA

Experience al Ponte Tibetano in Val di Rabbi

null

Parcheggio MD Terzolas

null

5 ore

null

5 Km

null

330 metri

Descrizione del percorso:

Emozioni ad alta quota sul ponte tibetano in Val di Rabbi dove camminiamo sopra un cascata per raggiungere il bosco a 100 metri di distanza… Questa sì che è Experience!

Alto 50 metri, largo 80 cm e lungo 100,16 metri, sono questi i numeri del ponte tibetano in Val di Rabbi, sopra la Cascata del torrente Ragaiolo, uno dei tanti che impetuoso scorre lungo i pendii di questa valle. Un’emozione da vivere, un’esperienza da provare, il ponte sospeso è una di quelle cose che chi soggiorna in Val di Sole deve assolutamente inserire nella propria #ToDoList!

Dal parcheggio al Plan in Val di Rabbi, attraversiamo il campeggio e lo costeggiamo a sinistra lungo una strada sterrata che ci porta all’inizio del sentiero. Una scalinata ci accompagna nel bosco di abeti ed un’altra successivamente ci porta al ponte, che collega il bosco da una parte all’altra del dirupo, visibile in tutta la sua lunghezza. L’adrenalina inizia a farsi sentire, insieme allo scroscio dell’acqua della cascata.

Costruito nel 2015 il ponte tibetano di Ragaiolo è un moderno ponte sospeso in acciaio attraversabile in totale sicurezza. Le sue sponde sono alte per permettere anche ai più piccoli di vivere l’emozione della traversata senza correre alcun pericolo.

Attraversato il ponte tibetano, il nostro cammino prosegue su sentiero prima e su strada sterrata poi, conducendoci a Malga Fratte. Il bosco si dirada lasciando spazio a prati e pascoli dell’alpeggio, regalandoci una splendida cornice panoramica sulle montagne che ci circondano.

Finito di pranzare ci accingiamo al rientro. Lungo il sentiero incontreremo, nei pressi di un ruscello, una Segheria Veneziana, espressione dell’antica arte del taglio dei tronchi e dell’arte tradizionale della tornitura. Capiremo le dinamiche dello sfruttamento della forza motrice fornita dall’acqua mediante la semplice, ma efficace, tecnologia della ruota idraulica.

Curiosità:

I tantissimi pascoli in quota della Val di Rabbi, sono l’elemento ambientale che ha sostenuto per secoli l’economia locale, basata in gran parte sull’allevamento. Sui pascoli che circondano le malghe, viene portato il bestiame all’alpeggio. Già dalla seconda metà del 1400 la valle contava 16-18 malghe, in uso ai comuni della Val di Sole. Oggi le malghe attive sono 23, di cui 16 con residenza estiva dei pastori.

Tipo di escursione:

Escursione di media difficoltà, ideale per chi vuole stare all’aria aperta a lungo. Non è richiesto uno specifico grado di preparazione fisica. Il pranzo è al sacco, ma per chi lo desidera è possibile appoggiarsi anche alla Malga Fratte (confermare la prenotazione in fase di iscrizione alla gita).

Con uno sviluppo di 5 km per un dislivello di circa 330 metri, il ponte tibetano in Val di Rabbi è un’escursione perfetta per chi vuole avvicinarsi ai trekking un po’ più impegnativi. A differenza delle altre escursioni, questa richiederebbe l’assenza di vertigini: non è per tutti infatti attraversare un ponte a quell’altezza! Anche se proprio non te la senti, non rinunciare a questo bellissimo trekking! C’è infatti una strada forestale che permette di arrivare comunque a Malga Fratte senza attraversare il ponte tibetano.

Il rientro è previsto verso metà pomeriggio, ore 15.00 / 15.30.

Domande, dubbi, perplessità? Scrivici!

Domande, dubbi, perplessità? Scrivici!

Cosa mettere nello zaino:

  • K-Way, in montagna potremmo essere colti da improvvisi piovaschi, anche durante le giornate più limpide;
  • Maglia: salendo in quota la temperatura si abbassa di circa 1°C ogni 100 metri, inoltre non dobbiamo sottovalutare le brezze frizzanti che scendono dalle cime, ecco perché una maglia in più non guasta mai.
  • Maglia di ricambio, porta con te una canotta per cambiarti una volta giunto alla meta, lo zaino ti farà sudare durante la salita;
  • Acqua, è bene mantenersi idratati durante l’attività fisica;
  • Cibo, pranzo al sacco nel caso non ci siano rifugi lungo il tragitto o tu scelga di non approfittarne, ma anche una barretta di cioccolato o qualche snack energetico possono essere di grande aiuto mentre si cammina.
  • Protezione solare

Abbigliamento e scarpe:

Per questa tipologia di escursione è indicato sicuramente un abbigliamento sportivo, comodo e confortevole, che non intralci i movimenti e che tenga caldo.

Salendo in quota molte volte la temperatura si abbassa oppure potrebbe esserci del vento. Per questo ti consigliamo di portare sempre con te un capo d’abbigliamento più pesante e un k-way, in caso di improvvisi acquazzoni.
Un’altra cosa che non può mancare è una t-shirt di ricambio: camminando tante volte si suda, indossare una maglietta pulita e asciutta renderà più confortevole il nostro cammino.
 
È preferibile indossare infine, una scarpa da trekking.

POTREBBERO PIACERTI ANCHE

Made in Malga

Antichi sapori e mestieri di un tempo, dal lago alla malga per osservare gli animali che in estate si prendono una vacanza e raggiungono i verdi pascoli.

Quello che i libri di storia non raccontano

Sulle tracce della storia che ha cambiato il volto alla nostra terra, nei luoghi protagonisti delle vicende della grande guerra… Ricordi che lasciano il segno.

Arte e poesia sul sentiero di Valorz

Servono occhi curiosi e vigili per apprezzare gli elementi artistici posti lungo questo sentiero, un percorso tra prati, boschi e poesie, alla ricerca della vera essenza di Valorz.

Al cospetto delle Dolomiti di Brenta

Un incantevole specchio d’acqua ci aspetta a quasi 1800 metri di quota. Immerso nella natura selvaggia delle Dolomiti di Brenta un rifugio fiabesco sulle sue rive…