CHIAMAPRENOTA

Al Cospetto delle Dolomiti di Brenta

Al Cospetto delle Dolomiti di Brenta

Prenota l'escursione:

null

Ritrovo: P. Belvedere Folgarida

null

Durata: 5 ore

null

Lunghezza: 5,5 Km

null

Dislivello: 200 metri

Descrizione del percorso:

Un incantevole specchio d’acqua ci aspetta a quasi 1800 metri di quota. Immerso nella natura selvaggia delle Dolomiti di Brenta un rifugio fiabesco sulle sue rive.

La nostra escursione parte dalla Piana di Nambino, che si trova proprio sopra al paese di Madonna di Campiglio, dove è possibile parcheggiare l’auto in un ampio piazzale. Qui parte un facile e comodo sentiero che tra radici, sassi e brevi rampe in salita ci conduce al Lago di Nambino: una piccolo bacino incontaminato alimentato dalle acque di disgelo dei ghiacciai dell’ Adamello-Presanella.

Qui a Nambino troviamo un ottimo rifugio dotato di tutti i comfort e un bellissimo pratone dove i bambini possono giocare e gli adulti rilassarsi e godere del sole.

Dopo aver fatto il giro del lago, imbocchiamo un altro sentiero, che ci porterà fino a Malga Patascoss. Il percorso, in leggera discesa, si sviluppa in un bellissimo bosco di conifere con un leggero e costante dislivello.

Meno di un’ora di camminata e siamo alla nostra destinazione Malga Ritorto: un punto panoramico molto suggestivo, che permette di ammirare tutta la catena delle Dolomiti del Brenta.

Tipo di escursione:

Escursione di media difficoltà, ideale per chi vuole stare all’aria aperta a lungo. Non è richiesto uno specifico grado di preparazione fisica.

Il pranzo è al sacco.

Questo trekking è perfetto per chi vuole avvicinarsi alle escursioni un pò più impegnative.

Il rientro è previsto verso metà pomeriggio, ore 15.00 / 15.30.

Curiosità:

Il Lago di Nambino, insieme al Lago Serodoli, al Lago Gelato, al Lago Lambin, al Lago Nero e al Lago Ritorto fa parte di un giro molto suggestivo, il giro dei 5 Laghi. Il giro non è particolarmente tecnico ma i chilometri e il dislivello da percorrere richiedono un buon allenamento.

Un incantevole specchio d’acqua ci aspetta a quasi 1800 metri di quota. Immerso nella natura selvaggia delle Dolomiti di Brenta un rifugio fiabesco sulle sue rive…

+Descrizione del percorso:
La nostra escursione parte dalla Piana di Nambino, che si trova proprio sopra al paese di Madonna di Campiglio, dove è possibile parcheggiare l’auto in un ampio piazzale. Qui parte un facile e comodo sentiero che tra radici, sassi e brevi rampe in salita ci conduce al Lago di Nambino: una piccolo bacino incontaminato alimentato dalle acque di disgelo dei ghiacciai dell’ Adamello-Presanella.

Qui a Nambino troviamo un ottimo rifugio dotato di tutti i comfort e un bellissimo pratone dove i bambini possono giocare e gli adulti rilassarsi e godere del sole.

Dopo aver fatto il giro del lago, imbocchiamo un altro sentiero, che ci porterà fino a Malga Patascoss. Il percorso, in leggera discesa, si sviluppa in un bellissimo bosco di conifere con un leggero e costante dislivello.

Meno di un’ora di camminata e siamo alla nostra destinazione Malga Ritorto: un punto panoramico molto suggestivo, che permette di ammirare tutta la catena delle Dolomiti del Brenta.

+Tipo di escursione

Escursione di media difficoltà, ideale per chi vuole stare all’aria aperta a lungo. Non è richiesto uno specifico grado di preparazione fisica.

Il pranzo è al sacco.

Questo trekking è perfetto per chi vuole avvicinarsi alle escursioni un pò più impegnative.

Il rientro è previsto verso metà pomeriggio, ore 15.00 / 15.30.

+Curiosità
Il Lago di Nambino, insieme al Lago Serodoli, al Lago Gelato, al Lago Lambin, al Lago Nero e al Lago Ritorto fa parte di un giro molto suggestivo, il giro dei 5 Laghi. Il giro non è particolarmente tecnico ma i chilometri e il dislivello da percorrere richiedono un buon allenamento.
+Cosa serve per fare trekking
Per affrontare un trekking è consigliato un abbigliamento sportivo, comodo e confortevole, che non intralci i movimenti, che tenga caldo ma che allo stesso tempo non ci faccia sudare.

Salendo in quota molte volte la temperatura si abbassa, in certi casi potrebbe esserci il vento. Per questo ti consigliamo di portare sempre con te un capo d’abbigliamento più pesante e un k-way, in caso di improvvisi acquazzoni.
Un’altra cosa che non può mancare è una t-shirt di ricambio, indossare una maglietta pulita e asciutta renderà più confortevole il tuo cammino.

È preferibile indossare infine, una scarpa da trekking.

Nello zaino devi sempre avere:

  • K-Way, in montagna potremmo essere colti da improvvisi piovaschi, anche durante le giornate più limpide;
  • Maglia: salendo in quota la temperatura si abbassa di circa 1°C ogni 100 metri, inoltre non dobbiamo sottovalutare le brezze frizzanti che scendono dalle cime, ecco perché una maglia in più non guasta mai;
  • Maglia di ricambio, porta con te una canotta per cambiarti una volta giunto alla meta, lo zaino ti farà sudare durante la salita;
  • Acqua, è bene mantenersi idratati durante l’attività fisica;
  • Cibo, pranzo al sacco nel caso non ci siano rifugi lungo il tragitto o tu scelga di non approfittarne, ma anche una barretta di cioccolato o qualche snack energetico possono essere di grande aiuto mentre si cammina;
  • Protezione solare.

Per saperne di più ti consigliamo di leggere il nostro articolo che parla dell’abbigliamento per fare trekking.

+Buone norme per vivere la montagna in sicurezza
– Definisci bene l’itinerario che vuoi percorrere prima della partenza;
– Scegli un percorso adatto alla tua preparazione fisica;
– Procurati e porta sempre con te, l’equipaggiamento idoneo alla tipologia di escursione che vuoi affrontare;
– Osserva sempre il meteo prima di partire e nel caso in cui il tempo meteorologico volgesse al brutto, torna subito indietro o mettiti al riparo;
Lascia sempre informazioni a chi sta a casa sul tuo itinerario e riguardo alla presunta ora di rientro;
– Porgi sempre molta attenzione alla segnaletica;
– In caso di indicente o se hai bisogno di aiuto, componi il numero di soccorso unico 112!

E comunque, non avventurarti mai da solo a fare un’escursione in posti che non conosci e non hai mai frequentato. È sempre preferibile scegliere la compagnia di qualcuno che conosce bene il territorio e sa come comportarsi in caso di pericolo!

…E poi è così bello fare un trekking in compagnia!

Cosa serve per fare trekking:

Per affrontare un trekking è consigliato un abbigliamento sportivo, comodo e confortevole, che non intralci i movimenti, che tenga caldo ma che allo stesso tempo non ci faccia sudare.

Salendo in quota molte volte la temperatura si abbassa, in certi casi potrebbe esserci il vento. Per questo ti consigliamo di portare sempre con te un capo d’abbigliamento più pesante e un k-way, in caso di improvvisi acquazzoni.
Un’altra cosa che non può mancare è una t-shirt di ricambio, indossare una maglietta pulita e asciutta renderà più confortevole il tuo cammino.

È preferibile indossare infine, una scarpa da trekking.

Nello zaino devi sempre avere:

  • K-Way, in montagna potremmo essere colti da improvvisi piovaschi, anche durante le giornate più limpide;
  • Maglia: salendo in quota la temperatura si abbassa di circa 1°C ogni 100 metri, inoltre non dobbiamo sottovalutare le brezze frizzanti che scendono dalle cime, ecco perché una maglia in più non guasta mai;
  • Maglia di ricambio, porta con te una canotta per cambiarti una volta giunto alla meta, lo zaino ti farà sudare durante la salita;
  • Acqua, è bene mantenersi idratati durante l’attività fisica;
  • Cibo, pranzo al sacco nel caso non ci siano rifugi lungo il tragitto o tu scelga di non approfittarne, ma anche una barretta di cioccolato o qualche snack energetico possono essere di grande aiuto mentre si cammina;
  • Protezione solare.

Per saperne di più ti consigliamo di leggere il nostro articolo che parla dell’abbigliamento per fare trekking.

Le buone norme per vivere la montagna e fare un trekking in sicurezza:

  • Definisci bene l’itinerario che vuoi percorrere prima della partenza;
  • Scegli un percorso adatto alla tua preparazione fisica;
  • Procurati e porta sempre con te, l’equipaggiamento idoneo alla tipologia di escursione che vuoi affrontare; 
  • Osserva sempre il meteo prima di partire e nel caso in cui il tempo meteorologico volgesse al brutto, torna subito indietro o mettiti al riparo;
  • Lascia sempre informazioni a chi sta a casa sul tuo itinerario e riguardo alla presunta ora di rientro;
  • Porgi sempre molta attenzione alla segnaletica;
  • In caso di indicente o se hai bisogno di aiuto, componi il numero di soccorso unico 112!
  • E comunque, non avventurarti mai da solo a fare un’escursione in posti che non conosci e non hai mai frequentato. È sempre preferibile scegliere la compagnia di qualcuno che conosce bene il territorio e sa come comportarsi in caso di pericolo! 

…E poi è così bello fare un trekking in compagnia!

POTREBBERO PIACERTI ANCHE

La dolce vita tra i monti

Cammina tra antichi e profumati boschi di larici, riscaldato dal calore del sole che questo versante riceve durante tutta la giornata eee… Goditi il panorama tra gli storici alpeggi in quota dei tempi passati…

Sentieri di Guerra

Sulle tracce della storia che ha cambiato il volto alla nostra terra, nei luoghi protagonisti delle vicende della grande guerra… Ricordi che lasciano il segno.

Arte e poesia sul sentiero di Valorz

Servono occhi curiosi e vigili per apprezzare gli elementi artistici posti lungo questo sentiero, un percorso tra prati, boschi e poesie, alla ricerca della vera essenza di Valorz.

Il Ponte sospeso

Emozioni ad alta quota in Val di Rabbi dove camminiamo sopra un cascata per raggiungere il bosco a 100 metri di distanza… Questa si che è Experience!
Loading...